CISL - SUN

COMUNICATO DEL 27 LUGLIO 2016

INCONTRO CON IL MINISTRO MADIA

In data 26 luglio u.s. si è tenuto presso il Dipartimento della Funzione Pubblica un incontro con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, Marianna Madia, per discutere di questioni connesse al lavoro pubblico, con particolare attenzione ai temi del rinnovo contrattuale e dell'attuazione della delega conferita al Governo dalla legge n, 124/2015 per la riscrittura del Testo Unico sul Pubblico Impiego (TUPI).
Durante il suddetto incontro, il Ministro Madia ha dichiarato di voler avviare un percorso di confronto con le parti sociali per esaminare le criticità esistenti sia per la parte contrattuale che per la riscrittura del Testo Unico del Pubblico Impiego (oggi D.Lgs 165/2001).
Il Ministro, pertanto, ha affidato al Presidente dell'Aran il mandato di incontrare nei prossimi mesi di agosto e settembre i Sindacati affinché, entro tale termine, possano essere affrontati tutti i nodi tecnici che allo stato allontanano le parti, fornendo al Ministro stesso le informazioni necessarie per l'emanazione di un atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale condivisibile.
Il Ministro ha informato le parti sociali che è sua intenzione confrontarsi in particolare sui temi della produttività, della valutazione, del reclutamento, della mobilità e dell'organizzazione massimizzando le esperienze positive che su tali tematiche hanno contraddistinto l'azione del Governo "Renzi".
Il Ministro Madia, inoltre, confermando le risorse già individuate lo scorso anno per il rinnovo dei contratti pubblici, si é impegnata a verificare la disponibilità dell'Esecutivo a reperirne ulteriori nell'ambito della prossima Legge di stabilità 2017.
La CISL, apprezzando la disponibilità del Ministro ad aprire il confronto con i lavoratori sia per quanto concerne i decreti delegati della riforma della PA, sia per quanto attiene all'atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale, ha rappresentato la sua massima disponibilità a lavorare insieme purchè si tratti di un confronto vero che ponga al centro della discussione la riorganizzazione della macchina pubblica che non può avvenire senza ridare dignità ai lavoratori attraverso la piena partecipazione. Ciò significa riassegnare alla contrattazione gli ambiti sottratti dal D.Lgs. n.150/2009. É indispensabile, inoltre, riconoscere ai lavoratori pubblici salari dignitosi e condizioni di lavoro adeguate, quindi, in Legge di Stabilità dovranno essere assolutamente reperite le risorse necessarie alle predette finalità.
Alla fine dell'incontro il Ministro Madia ha, anche, smentito le informazioni che negli ultimi giorni si sono diffuse attraverso i Media circa l'esistenza di una bozza di TUPI che, a nostro avviso, dati i contenuti, avrebbe nettamente peggiorato le condizioni contrattuali ed economiche dei dipendenti pubblici, di fatto annullando il contratto collettivo come fonte regolatrice del rapporto di lavoro; se fosse stata confermata l’esistenza della suddetta bozza saremmo stati costretti fin da subito ad assumere una posizione molto critica nei confronti del Governo soprattutto per l'impatto che tali nuove disposizioni avrebbero avuto nei confronti del personale docente e tecnicoamministrativo sia dell'Università che del Comparto AFAM.
Come Federazione di Categoria dell'Università e dell'Alta Formazione, abbiamo preso atto della disponibilità dichiarata dal Ministro di avviare il confronto con le parti sociali sia sul rinnovo contrattuale che sul TUPI, anche perchè riteniamo che in tale ambito sia necessario ribadire la specificità dei settori da noi rappresentati (Università e AFAM) a cui mal si adattano le disposizioni generali del P.I. .
Come sempre la Federazione CISL Università fornirà la dovuta informazione all'esito del confronto che si avvierà nei prossimi giorni.

IL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE
(Francesco De Simone Sorrentino)

Questo sito utilizza i cookie (files di testo) per esclusivi motivi tecnici e di navigazione. L'utente potrà disabilitarli attraverso il proprio browser. Chiudendo questo messaggio si autorizza quanto sopra.